Detraibilità fiscale per gli abbonamenti al trasporto pubblico

Per i titoli acquistati nel corso del 2018

La Legge Finanziaria ha stabilito la possibilità di detrarre fiscalmente le spese sostenute nel corso del 2018 per l’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico.

Per detrarre la spesa sostenuta è necessario richiedere o ricaricare l’abbonamento su card MiMuovo TEP (anche non nominativa e per abbonamenti ad uso impersonale). La card può essere richiesta presso i punti vendita TEP di Barriera Bixio, via Garibaldi e piazzale Dalla Chiesa (presso la Cicletteria) al costo di 5,00 euro. Per l'acquisto dell'abbonamento sarà rilasciata una ricevuta, cui andrà aggiunta una fotocopia della card MiMuovo che riporti i dati del titolare e il numero della card. Se l'abbonamento acquistato è di tipo impersonale, la richiesta di detrazione fiscale andrà corredata con un'autocertificazione, effettuata dal contribunte nei modi e nei termini previsti dalla legge, per attestare che l'abbonamento è stato acquistato per sé o per un famigliare a carico.

Ulteriore documentazione potrà essere fornita qualora disposto dalle indicazioni pratiche che saranno emanate per l'applicazione della legge.

In previsione delle dichiarazioni dei redditi 2019, è importante conservare i giustificativi utili a dimostrare l’acquisto di un abbonamento per il trasporto pubblico. E' possibile detrarre il 19% delle somme spese per l'acquisto degli abbonamenti del nucleo famigliare, per un importo di spesa non superiore a 250 euro. 

Lo sconto fiscale è applicabile all'acquisto di titoli di viaggio mensili o plurimensili.

Per portare in detrazione la spesa dovrà essere ben evidente il costo dell’abbonamento, in maniera da consentire il calcolo dell’ammontare detraibile, insieme all’identità della persona che lo ha sottoscritto, così da collegare lo sconto al singolo contribuente.