Le regole del viaggio

Con queste regole e norme per il viaggio e il servizio la TEP S.p.A. intende informare gli utenti sulle principali disposizioni che riguardano il buon andamento e la disciplina del servizio pubblico; si vuole in tal modo agevolare l’accesso al servizio, favorire la civile convivenza tra i passeggeri, la collaborazione fra cittadini e Personale TEP nonché la sicurezza del viaggio.

Per poter usufruire dei servizi TEP i passeggeri dovranno attenersi alle condizioni di trasporto elencate nel presente regolamento. La TEP si riserva l’adozione dei provvedimenti che si renderanno necessari a carico dei trasgressori.

 ART. 1 LE REGOLE DEL VIAGGIO

La salita:

  1. Le fermate del bus sono a richiesta.
  2. Per accedere alla vettura servirsi solo delle porte di entrata appositamente segnalate.
  3. E’ vietato salire fuori fermata o quando la vettura è in movimento.

Durante il viaggio:

  1. Non è possibile occupare più di un posto a sedere, ingombrare i passaggi e sostare in corrispondenza delle porte di salita e discesa o delle macchinette convalidatrici.
  2. In vettura non è consentito fumare.
  3. Contribuire al mantenimento della pulizia del mezzo non insudiciando, danneggiando , rimuovendo o manomettendo parti o apparecchiature dei veicoli.
  4. Evitare di sporgersi dai finestrini e di gettare oggetti fuori dal mezzo.
  5. Non è consentito portare in vettura colli ed oggetti di misure diverse da quelle consentite dalle disposizioni della direzione TEP S.p.A.
  6. Non possono essere trasportate armi proprie od improprie (tale disposizione non si applica agli agenti di P. S.).
  7. Non è consentito trasportare materiali infiammabili, acidi o corrosivi, oggetti che presentino spigoli taglienti o appuntiti o che per qualsiasi altra ragione possano risultare molesti.
  8. E’ vietato salire in vettura o sostare nelle pensiline in stato di ubriachezza ovvero in condizioni psicofisiche alterate per l’uso di sostanze stupefacenti.
  9. È obbligatorio reggersi agli appositi sostegni quando il veicolo è in movimento.

10. Evitare di recare disagio o disturbo agli altri passeggeri e mantenere un comportamento decoroso e rispettoso. E’ vietato l’uso di radio, registratori, ecc., salvo che siano usati con gli appositi auricolari.

11. Non è consentito, senza apposito permesso della TEP S.p.A. distribuire, esporre o affiggere oggetti o stampe, né esercitare qualsiasi forma di commercio, distribuzione o vendita di oggetti anche solo a scopo promozionale o di beneficenza.

12. E’ possibile rivolgersi al conducente per informazioni, senza comunque distrarlo dalle funzioni di guida, in modo da garantire la sicurezza di tutti i passeggeri. 

La discesa:

  1. Segnalare per tempo al conducente l’intenzione di scendere dalla vettura utilizzando l’apposito pulsante di prenotazione di fermata.
  2. Per scendere servirsi solo delle porte di uscita appositamente indicate.
  3. Evitare di chiedere al conducente di scendere fuori fermata, perché è consentito far scendere i passeggeri solo all’interno delle aree definite.

ART. 1.2 – RESPONSABILITA’ DEI VIAGGIATORI ED INFORTUNI

I viaggiatori sono responsabili di ogni danno arrecato per fatto proprio o per negligenza alle vetture, a terzi ed anche a se stessi.

  1. In caso di sinistri prodotti da cause imputabili alla TEP, i relativi danni verranno liquidati dalla compagnia di Assicurazione della TEP stessa, ai sensi della polizza stipulata a norma di legge per la tutela dei passeggeri.

 ART. 2 – TITOLI DI VIAGGIO E VERIFICA

All’inizio della corsa il passeggero deve essere in regola con le norme di utilizzo del titolo di viaggio (biglietti ordinari, varie tipologie di abbonamento, ecc.). L’utente potrà munirsi del titolo di viaggio anche a bordo della vettura ma a prezzo maggiorato.

  1. Il passeggero, appena salito sulla vettura, dovrà provvedere a convalidare il biglietto nell’apposita macchinetta. Dopo la convalida, è opportuno verificare l’esattezza della timbratura e taglio sul titolo, in caso di errore avvertire immediatamente il conducente del mezzo.
  2. Ai sensi della Legge Regionale n.30 del 2/10/98 i passeggeri sono tenuti ad esibire il titolo di viaggio al personale di controllo dell’Azienda (art. 40, comma 3), che, nell’esercizio di queste funzioni, è Pubblico Ufficiale: il titolo di viaggio deve essere integro e riconoscibile, ed in nessun modo manomesso o alterato; in caso di irregolarità sull’utilizzo dei titoli di viaggio i passeggeri sono tenuti ad esibire i documenti di identificazione agli agenti accertatori (art. 40, comma 9 ).
  3. Gli abbonamenti, i biglietti ed in generale qualsiasi altro titolo di viaggio, sono validi per le linee e per la durata indicati nel titolo stesso.
  4. I biglietti di linea urbana sono a validità oraria; i biglietti di linea extraurbana sono validi per una sola corsa e consentono di iniziare o completare il viaggio sul servizio urbano di Parma entro il tempo indicato sui biglietti, salvo disposizioni diverse riportate sui biglietti stessi.
  5. Gli abbonamenti extraurbani sono di due tipologie, entrambi ad uso impersonale (non occorre la tessera di riconoscimento):
  6. Con origine/destinazione su PARMA. E’ obbligatorio indicare sul tagliando di abbonamento la destinazione/origine del viaggio. E’ valido anche per l’intera rete urbana;
  7. Con origine/destinazione non su PARMA. Non è valido sulla rete urbana. Deve recare indicate le estremità del percorso per il quale è valido.

Essi danno diritto, entro il periodo di validità, ad un numero di viaggi illimitato, anche su percorsi parziali purché interamente compresi lungo la linea e fra le estremità del percorso per il quale sono rilasciati.

  1. Gli abbonamenti urbani, una volta rilasciati, possono essere utilizzati dagli utenti indifferentemente su tutte le linee urbane ordinarie diurne, escluso il Pronto Bus, per cui occorre un abbonamento integrativo.
  2. La durata dell’abbonamento è indicata direttamente sul titolo di viaggio.

ART. 3 – RIMBORSI

La TEP S.p.A. prevede rimborsi ai passeggeri che abbiano avuto pregiudizio dalla mancata effettuazione di una corsa secondo i percorsi e gli orari in vigore, se questo avviene per cause dipendenti dall’Azienda e non per fattori “esterni” (quali condizioni del traffico, blocchi stradali, intemperie, ecc.) e sempre che la variazione non sia stata preventivamente comunicata. L’entità del rimborso sarà pari alle spese sostenute per effettuare il viaggio con mezzi diversi, purché esse siano adeguatamente documentate.

  1. In caso di interruzione del viaggio per cause imputabili ai mezzi o alla TEP S.p.A., l’Azienda può rimborsare l’importo del percorso non effettuato, salvo che essa non abbia provveduto con altri mezzi al trasporto dei passeggeri.
  2. Nel caso in cui l’Azienda non abbia provveduto con altri mezzi al trasporto dei passeggeri il rimborso sarà pari alle spese sostenute per effettuare il viaggio con mezzi diversi, purché esse siano adeguatamente documentate.

 ART. 4 – TRASPORTO BAMBINI

  1. I bambini di altezza inferiore ad un metro e dieci centimetri, se accompagnati da un passeggero adulto pagante, viaggiano gratuitamente.
  2. E’ possibile accompagnare gratuitamente un solo bambino per ogni viaggiatore pagante
  3. Per ragioni di sicurezza non è possibile salire in vettura con bambini su carrozzine e passeggini, che devono essere comunque ripiegati, fatto salvo quanto previsto al successivo art. 6. Per il passeggino ripiegato non si paga il biglietto.

 ART. 5 – TRASPORTO ANIMALI

 I cani che accompagnano i passeggeri non vedenti possono salire gratuitamente sui mezzi aziendali.

  1. Gli animali di piccola taglia possono viaggiare gratuitamente, portati in braccio o dentro gabbiette o contenitori protetti le cui dimensioni non siano superiori a cm. 50 x 20 x 25 (limite previsto per gli oggetti trasportabili senza titolo di viaggio); se portati in braccio devono essere muniti di guinzaglio e museruola. Gli altri animali possono viaggiare, a pagamento, dentro apposite gabbie o contenitori protetti che comunque non superino le dimensioni massime consentite per il trasporto di oggetti (80 x 45 x 25).
  2. Se l’animale insudicia, deteriora la vettura, o provoca in qualunque modo un danno alle persone ed alle cose, il proprietario è tenuto a risarcire il danno.

ART. 6 – REGOLE PER IL TRASPORTO DI PERSONE A RIDOTTA CAPACITA’ MOTORIA E DI CARROZZINE E PASSEGGINI PER BAMBINI

  1. Il trasporto di disabili e di bambini su carrozzine e passeggini può essere attuato solo sui servizi di linea a ciò predisposti e identificabili tramite appositi simboli.
  2. Sulle linee predisposte al trasporto disabili, alcune fermate indicate da apposito simbolo richiedono che il disabile debba essere affiancato da un accompagnatore per la salita e la discesa.
  3. Una volta a bordo e posizionata nell’area predisposta la carrozzella, il passeggero dovrà provvedere a frenare la stessa e ad allacciare le apposite cinture.
  4. Qualora l’unico spazio per carrozzine a bordo del bus sia già occupato, un eventuale secondo passeggero nelle medesime condizioni dovrà attendere la corsa successiva.
  5. Come tutti gli utenti anche quelli in carrozzella ed i loro eventuali accompagnatori dovranno ottemperare alle disposizioni tariffarie in vigore.
  6. Sia disabili in carrozzella che utenti con passeggini e carrozzine per bambini al seguito, dovranno salire dalla porta centrale del mezzo, normalmente adibita alla discesa, pertanto dovranno prima attendere che i passeggeri a bordo in procinto di scendere siano giunti a terra.
  7. I passeggini e le carrozzine a bordo della vettura dovranno essere posizionati unicamente nell’area destinata alle persone a ridotta capacità motoria e potranno stazionarvi solo qualora la stessa non sia già occupata da un disabile che ha diritto di priorità nell’occupazione; durante la marcia dovranno rimanere frenati.
  8. Il passeggero adulto dovrà essere munito di regolare titolo di viaggio anche per l’eventuale passeggino o carrozzina.

ART. 7 – TRASPORTO BAGAGLI

  1. Possono essere trasportati in vettura, senza pagamento alcuno e col limite di uno per viaggiatore pagante, colli o valigie di dimensioni massime di cm. 50 x 20 x 25 nonché passeggini pieghevoli per bambini.
  2. Per i colli in soprannumero od eccedenti tali misure, ma comunque non superiori alle dimensioni di cm. 80 x 45 x 25 ed al peso approssimativo di kg 20, si dovrà pagare l’importo corrispondente ad un biglietto di corsa semplice.
  3. In via eccezionale possono ammettersi al trasporto colli speciali quali sci, strumenti musicali e canne da pesca, previo pagamento del biglietto.
  4. I bagagli trasportati devono essere collocati nelle apposite reticelle o nei bagagliai. Qualora non si trovi posto devono essere custoditi dal viaggiatore in posizione tale da non ostacolare il passaggio dei passeggeri, né pregiudicare la loro sicurezza e comunque non devono occupare posti a sedere.
  5. I bagagli e colli sono trasportati sotto la custodia e a cura esclusiva del passeggero, senza nessuna responsabilità dell’Azienda, che non risponde dei deterioramenti o smarrimenti che si possano verificare, nonché di eventuali danni prodotti ad altri passeggeri.

ART. 8 – SPEDIZIONI A PAGAMENTO ( SOLO PER IL SERVIZIO  EXTRAURBANO)

8.1 – DISPOSIZIONI GENERALI

  1. Le spedizioni si effettuano in base alle condizioni e tariffe di trasporto vigenti sulle linee che vengono utilizzate.
  2. L’accettazione delle spedizioni è limitata dalla disponibilità di spazio e di portata dei mezzi dei quali l’Azienda dispone; l’Azienda può rifiutare, a suo insindacabile giudizio, spedizioni di merci e bagagli che possono, per qualsiasi motivo, intralciare o disturbare il servizio o il pubblico o menomare la sicurezza del servizio.
  3. L’accettazione delle spedizioni a mezzo autobus cessa di regola 30 minuti prima della partenza; i mittenti hanno l’obbligo di consegnare i bagagli al personale viaggiante e di curarne il collocamento sui veicoli seguendo le sue istruzioni.
  4. La richiesta di spedizione implica completa conoscenza delle condizioni di trasporto, che vengono dal mittente accettate senza riserva alcuna anche e per conto del destinatario, del quale egli si costituisce mandatario con la richiesta stessa.
  5. I colli di qualsiasi genere devono essere muniti di etichetta sulla quale il personale possa riportare le indicazioni di viaggio ed inoltro, e dove siano chiaramente trascritti il preciso indirizzo del mittente e del destinatario, o della persona cui affidare i colli quando il destinatario non sia presente all’arrivo dell’autobus, fatte salve le disposizioni del D. P. R. 14.08.1996 n. 472. 

8.2 – RESPONSABILITA’ DELL’AZIENDA

L’Azienda non risponde degli oggetti, anche se consegnati al personale, per i quali non sia stata eseguita regolare spedizione a pagamento col rilascio di biglietto o fattura.

 8.3 - RESPONSABILITA’ DEL MITTENTE E DEL DESTINATARIO

  1. Il mittente ed il destinatario sono solidalmente responsabili del contenuto delle spedizioni, e delle infrazioni alle limitazioni ad esso poste dall’Autorità, e dei danni che il contenuto stesso può arrecare a cose, a terzi od al vettore. E’ assolutamente vietato il carico di armi, di materiali infiammabili od esplosivi.
  2. Il mittente risponde di tutte le conseguenze delle sue dichiarazioni e delle indicazioni irregolari, inesatte o non intellegibili esposte negli indirizzi, nei documenti di viaggio e nelle lettere di avviso, e delle omissioni nella compilazione delle medesime, anche nel caso che vengano compilate da agenti o incaricati dell’Azienda, i quali non hanno l’obbligo di accertarsi della esattezza delle indicazioni scritte sui documenti di trasporto e tanto meno di compilare i documenti stessi, e la cui opera deve intendersi da essi prestata nell’esclusivo interesse del mittente.
  3. Le merci fragili non imballate, anche se accettate senza riserve, viaggiano a completo rischio e pericolo delle parti.

 8.4 – CONSEGNA AL DESTINATARIO OD A TERZI

  1. I colli non accompagnati devono essere sempre indirizzati a persona che sia presente all’arrivo per effettuare il ritiro.
  2. L’Azienda non effettua consegne a domicilio ed il ritiro delle merci deve avvenire a cura del destinatario presso le fermate prestabilite e agli orari di transito dell’autolinea stessa.
  3. Qualsiasi responsabilità della TEP S.p.A. cessa allorquando il destinatario, che deve essere tempestivamente avvertito dell’invio a cura del mittente, non sia presente all’arrivo per prendere in consegna le spedizioni; in tal caso si intende che gli interessati hanno autorizzato – sollevando l’Azienda da qualsiasi responsabilità per smarrimento, furti od avarie – che la consegna venga fatta a terzi, non dipendenti dall’Azienda, che abitualmente o notoriamente esplicano tale servizio di presa in consegna, deposito o recapito per conto del mittente o del destinatario e che vengono da questi considerati come loro mandatari.
  4. L’Azienda non risponde dei bagagli e dei colli non ritirati dai destinatari all’arrivo degli automezzi e si riserva ogni più ampia facoltà per il rispetto delle norme del D.P.R. 14.08.1996 n. 472.

 8.5 – CARICO E SCARICO

  1. Il carico e scarico dei colli deve essere effettuato dagli interessati.
  2. Qualora al carico e scarico provveda il Personale dell’Azienda, si intende che questo agisce come incaricato degli interessati, e pertanto l’Azienda è sollevata da ogni responsabilità.
  3. Le eventuali verifiche del peso e del contenuto dei colli, nel solo caso di diminuzione di peso o di avarie, tanto in partenza che in arrivo, devono essere fatte in presenza del vettore, pena la nullità di pieno diritto di ogni reclamo in merito.
  4. Il ritiro delle cose trasportate non estingue le pretese dell’Azienda per erronee applicazioni di tariffa, purché siano fatte valere entro 180 giorni dalla data della riscossione.
  5. In caso di furto, smarrimento, deterioramento dei bagagli o colli trasportati, per cause imputabili alla TEP S.p.A., quest’ultima risponderà del danno fino ad una somma massima pari a venti volte l’importo della tariffa di spedizione.

8.6 – DEROGA ALLE PRESENTI CONDIZIONI

Qualunque clausola, condizione o raccomandazione, che possa impegnare la responsabilità dell’Azienda oltre i limiti fissati dalle presenti condizioni, s’intende nulla od inefficace.

ART. 9 – SANZIONI

I viaggiatori che utilizzino i mezzi aziendali e risultino sprovvisti di regolare titolo di viaggio oltre a corrispondere la tariffa evasa sono soggetti ad una sanzione amministrativa, determinata in:

Euro 60,00 se conciliata con l’agente accertatore o pagata entro i 5 giorni successivi alla data della contestazione, senza opposizione;

Euro 80,00 se pagata dal 6° al 60° giorno dalla data della contestazione;

Euro 200,00 se pagata oltre il 60° giorno dalla data della contestazione;

Euro 6,00 per i titolari di abbonamento nominativo (personale) che non siano stati momentaneamente in grado di esibirlo all’agente accertatore, ma che lo presentino, entro i 5 giorni successivi alla data della contestazione, agli uffici TEP di via Taro 12 e P.le Barbieri 1 – Parma, purché tale abbonamento risulti regolarizzato prima dell’accertamento della violazione (cfr. Legge Regionale Emilia  - Romagna n. 30/98 Art. 40, c. 4, 5, 6, 8, come modificato dalla L.R. n. 20/2011).

I suddetti valori saranno soggetti a periodici aggiornamenti in base alle disposizioni legislative ed aziendali.

 ART. 10 – RECLAMI

Eventuali reclami di qualsiasi natura riguardanti i servizi erogati dall’Azienda TEP S.p.A., possono essere presentati all’Ufficio di segreteria dell’Azienda stessa in via Taro 12, per iscritto o via fax, accompagnati dalle generalità del reclamante. I reclami possono essere presentati attraverso il sito internet dell'Azienda, all'indirizzo www.tep.pr.it .

 ART. 11 – FORO COMPETENTE

In caso di controversie è competente il foro di Parma.

 ART. 12 – INFORMAZIONI

  1. TEP S.p.A. informa i cittadini sulle modalità del viaggio, sulle tariffe, sugli orari, sulle sanzioni, utilizzando i mezzi, le infrastrutture aziendali, ed altri spazi informativi dedicati.
  2. Per eventuali informazioni di qualsiasi natura riguardanti i servizi erogati dall’Azienda TEP S.p.A. è possibile telefonare al numero 840 22 22 22 o consultare il sito www.tep.pr.it