Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Continuando con la navigazione acconsenti al loro utilizzo
Per disattivarli leggi le istruzioni nella Privacy policy

Il regolamento del servizio HAPPY BUS

anno scolastico 2021/2021

Descrizione

Art. 1 – Finalità

1 – Il Servizio “HAPPY BUS” è diretto a soddisfare le esigenze di trasporto degli alunni residenti nel Comune di Parma che frequentano le scuole primarie e secondarie di 1° grado, nonché le scuole materne statali dello stesso Comune.

2 – Scopo del servizio è il contenimento del traffico privato e la conseguente riduzione dei fenomeni di inquinamento nell’area urbana di Parma ed a concorrere all’effettiva attuazione del Diritto allo Studio, per assicurare la frequenza scolastica degli alunni.

3 – Il Servizio Happy Bus è realizzato da Tep sulla base delle disposizioni del Comune nell’ambito delle sue competenze stabilite dal D.P.R. 616/77 e dalla Legge Regionale 26/2001, compatibilmente con le disposizioni previste dalle Leggi Finanziarie e dalle effettive disponibilità di bilancio.

Art. 2 – Organizzazione e funzionamento

1 – L’organizzazione ed il funzionamento del servizio sono di competenza di Tep S.p.A. sotto la supervisione ed il controllo dei Settori Politiche per l’Infanzia e per la Scuola e Mobilità e Ambiente del Comune di Parma.

2 – I percorsi attraverso cui viene erogato il servizio vengono stabiliti sulla base delle richieste dei singoli utenti, tenendo conto delle esigenze della globalità degli utenti e delle esigenze di sicurezza ed efficacia del servizio e potranno essere ridefiniti sulla base di rinunce o nuove richieste di ammissione al servizio, che dovranno pervenire a Tep con almeno un mese di anticipo dalla variazione e/o cessazione. In base alla eventuale ridefinizione del percorso gli utenti interessati saranno informati dei nuovi percorsi e degli eventuali cambiamenti di orario che dovessero rendersi necessari.

3 – Il servizio potrà non essere attivato qualora le richieste per il singolo plesso scolastico siano inferiori alle dieci unità. Il singolo percorso potrà non essere attivato qualora sia utilizzato da meno di sei iscritti.

4 – Per ogni plesso scolastico saranno serviti di norma i seguenti orari:

un orario di ingresso giornaliero, sia per le scuole primarie che secondarie di primo grado;

un orario di uscita giornaliero per le scuole secondarie di primo grado;

due orari di uscita giornalieri per le scuole primarie.

5 – I servizi saranno effettuati in relazione agli orari definitivi di ingresso ed uscita dai plessi scolastici comunicati dalle scuole stesse. Nel caso la scuola non comunichi gli orari definitivi in tempo utile per la programmazione dei percorsi (entro una scadenza stabilita e resa nota agli istituti scolastici con il necessario anticipo), questi saranno definiti riferendosi agli orari in vigore il precedente anno scolastico ed eventuali variazioni saranno prese in esame solo compatibilmente con le possibilità di soddisfare le esigenze di efficienza dei servizi e con i tempi necessari per la progettazione ed attivazione degli stessi. Allo stesso modo, eventuali variazioni degli orari di entrata ed uscita nel corso dell’anno scolastico saranno prese in esame solamente se compatibili con le possibilità di razionalizzazione dei servizi e con i tempi necessari per la progettazione ed attivazione degli stessi.

6 – Il servizio viene erogato secondo due distinte modalità in relazione alla ubicazione o meno della residenza dell’alunno nella zona di stradario relativa alla scuola di iscrizione, che viene identificata dai competenti uffici del Comune di Parma. Per le scuole private e per le scuole pubbliche per le quali non è precisata, la zona di stradario viene definita in relazione a considerazioni di razionalità delle condizioni di trasporto ed omogeneità con quanto previsto per le scuole comunali e statali.

7 – Per gli alunni iscritti nella scuola di stradario rispetto alla loro residenza, il servizio di trasporto si svolge in un percorso unico elaborato sulla base delle richieste pervenute.

8 – Per gli studenti residenti nella zona di stradario, le fermate di salita e discesa sono fissate in prossimità dell’abitazione e comunque ad una distanza non superiore ai 300 metri da questa, in relazione ad esigenze di razionalizzazione dei servizi e di sicurezza dei percorsi.

9 – Per gli alunni iscritti a scuole non di stradario o a scuole che non fanno riferimento ad uno stradario, quali il Convitto Maria Luigia e la Scuola Europea, il servizio viene attivato qualora, a insindacabile giudizio di Tep, la programmazione dello stesso non comprometta i requisiti qualitativi del servizio. Per gli alunni iscritti fuori dalla zona di stradario saranno seguiti gli stessi criteri di assegnazione ai percorsi osservati per gli alunni di stradario.

10 – Il servizio non di stradario di regola si svolge su un unico percorso con tempi massimi di percorrenza superiori ai percorsi di stradario. tuttavia, in base alle esigenze di razionalizzazione dei servizi, ove necessario, il servizio sarà effettuato mediante percorsi e fermate predefiniti, individuati da Tep in modo da consentire il soddisfacimento del maggior numero di richieste. Sarà cura dei genitori accompagnare gli studenti alla fermata assegnata e recuperarli presso la fermata al ritorno, o autorizzarli a raggiungerla e a tornare a casa in modo autonomo, compilando la dichiarazione di responsabilità opportuna.

11 – Possono essere previste deroghe a questa tipologia di erogazione per gli alunni “fuori stradario” in caso di disponibilità di posti sul bus ed a condizione che il maggior percorso necessario per fornire il servizio diretto di trasporto fra la residenza e la scuola non prolunghi eccessivamente il tempo di percorrenza del percorso nel suo complesso. Qualora pervenga la richiesta di servizio da parte di un alunno di stradario, che comporti modifiche all’erogazione del servizio per gli alunni fuori stradario, questi possono richiedere la disdetta dell’abbonamento con effetto immediato.

12 – L’avvio del servizio di trasporto è fissato quando in tutte le scuole servite le lezioni seguono l’orario definitivo, normalmente stabilito due settimane dopo l’inizio delle lezioni scolastiche, e termina con l’ultimo giorno di scuola previsto dal calendario scolastico regionale.

13 – Il servizio di trasporto scolastico non è previsto nei giorni dedicati agli esami di fine anno.

14 – Il servizio è attivato solo per gli utenti residenti o domiciliati ad una distanza superiore a 500 metri dalla scuola di destinazione, a meno che la residenza o comunque il luogo di salita e/o di discesa non siano ubicati su un percorso già previsto e che l’accoglimento della richiesta non comprometta i requisiti qualitativi del percorso.

15 – Le fermate sono individuate in punti idonei per la sicurezza degli utenti (passaggi pedonali o carrabili, fermate Tep, marciapiede, banchina, ecc.); non sono previste fermate in strade non asfaltate. È ipotizzabile una deroga solo quando la distanza rispetto all’incrocio con la strada asfaltata sia superiore a trecento metri e purché la strada non asfaltata sia effettivamente percorribile in condizioni di sicurezza. Non sono previste fermate in strade chiuse, strade private e strade che non consentono il transito, l’uscita e l’ingresso dei bus in condizioni di sicurezza, ad insindacabile giudizio di Tep.

16 – Il servizio può essere sospeso in caso di interruzione del servizio scolastico o di modifiche nell’orario di entrata ed uscita dovute a scioperi del personale insegnante o ausiliario o di altre cause non dipendenti da decisioni dell’Amministrazione Comunale o di Tep.

17 – Nell’espletamento del servizio è di norma garantita la presenza di personale addetto alla vigilanza sui mezzi, a meno di situazioni occasionali e/o di emergenza. Sarà comunque garantita la presenza di personale di sorveglianza laddove prevista per legge.

18 – Eventuali modifiche del percorso che comportino variazioni dell’orario di passaggio o della fermata di salita e discesa sono comunicate all’utente attraverso i canali di comunicazione forniti in sede d’iscrizione (sms, mail, indirizzo postale). Tali modifiche generalmente decorreranno dall’inizio del mese successivo, ma in caso di esigenze urgenti di razionalizzazione dei servizi potranno anche decorrere da un’altra data più anticipata.

Art. 3 – Iscrizioni

1 – Le domande d’iscrizione dovranno essere compilate e inviate attraverso il portale dedicato consultabile sul sito www.tep.pr.it, dove sono disponibili anche le informazioni sulle modalità di erogazione, sulle tariffe, sulle scadenze per l’iscrizione, sulla visione dei percorsi e sulle modalità e i termini per il pagamento degli abbonamenti. Per i richiedenti non in possesso di dispositivi informatici idonei, verranno fornite informazioni in merito alle modalità di compilazione alternative disponibili, che saranno comunicate nei periodi di apertura delle iscrizioni.

2 – L’iscrizione al servizio dovrà essere formalizzata ogni anno scolastico. La mancata presentazione delle domande entro i termini stabiliti comporta l’esclusione dalla fruizione del servizio. Potrà essere indicato un indirizzo diverso dalla residenza per l’andata ed uno per il ritorno, che saranno serviti con i criteri previsti al precedente art.2.

3 – Sulla base delle iscrizioni saranno definiti i percorsi e gli orari, validi dall’inizio del servizio per il successivo anno scolastico, che saranno comunicati a tutti gli utenti.

4 -I genitori degli utenti che intendono fruire del servizio dovranno confermare l’iscrizione e sottoscrivere l’abbonamento secondo le modalità ed entro le tempistiche comunicate da Tep. La proposta di servizio sarà valida fino alla data di chiusura delle sottoscrizioni degli abbonamenti, indicata da Tep e comunicata sul sito www.tep.pr.it.

5 – Le proposte per le quali non è giunta conferma non saranno incluse nei percorsi; qualora gli utenti vogliano comunque accedere al servizio dovranno ricompilare la domanda di iscrizione nel primo periodo utile.  

6 – Contestualmente alla conferma dell’iscrizione, i genitori dovranno provvedere al pagamento dell’abbonamento secondo le modalità indicate sul sito Tep. I percorsi, a seguito di eventuali non conferme da parte di studenti che hanno richiesto il servizio, potranno subire variazioni rispetto alla proposta inviata; le modifiche saranno comunicate agli iscritti in tempo utile per l’avvio del servizio.

7 – È possibile inoltrare domanda per il servizio anche ad anno scolastico iniziato. La domanda dovrà essere presentata on line nei mesi di ottobre, dicembre e febbraio, con avvio del servizio, in caso di accettazione della richiesta, nei mesi di dicembre, febbraio ed aprile. Le richieste inoltrate ad anno scolastico iniziato saranno vagliate dal competente Ufficio Happy Bus che provvederà a modificare i percorsi esistenti; qualora opportuno, per garantire la stabilità dei percorsi in essere, l’ufficio potrà subordinare l’accettazione della richiesta al trasporto dall’abitazione alla fermata esistente più vicina, e viceversa, a cura dei genitori. L’Ufficio fornirà la risposta circa le modalità di effettuazione del servizio entro la fine del mese precedente all’attivazione dello stesso; il genitore dovrà regolarizzare i pagamenti e ritirare l’abbonamento entro la scadenza che gli sarà comunicata. Il mancato pagamento dell’abbonamento entro il termine indicato comporta l’esclusione dal servizio.

8 – Agli utenti ammessi a fruire del servizio sarà rilasciato l’abbonamento caricato su card Mi Muovo, che dovrà essere mostrato al conducente, all’accompagnatore o al personale di controllo, ogni qualvolta richiesto.

Art. 4 – Rinunce al servizio

1 – La rinuncia al servizio deve essere richiesta almeno un mese prima rispetto alla decorrenza della rinuncia. La rinuncia deve essere presentata secondo le modalità indicate sul sito Tep, nella sezione Happy Bus. Non saranno accettate rinunce inoltrate con altre modalità.

2 – Chi non desidera usufruire del servizio pur avendo fatto l’iscrizione, dovrà comunicare l’eventuale rinuncia, in forma scritta (via mail).

Art. 5 – Pagamento del servizio

1 – La tariffa del servizio di trasporto scolastico, le modalità e i tempi di pagamento sono fissati di anno in anno dall’Amministrazione Comunale e vengono comunicati agli utenti contestualmente alla domanda di iscrizione.

2 – Le tariffe mensili per l’a.s.2021/2022 sono definite di seguito, sulla base dell’ISEE del nucleo famigliare di appartenenza del bambino:

TariffaClassi ISEETariffa per il 1° iscrittoTariffa per il 2° iscrittoTariffa dal 3° iscritto
1Per casi specifici indicati dalla Amministrazione ComunaleGratuitaGratuitaGratuita
2Da є 0 a є 6.360,17€ 10€ 10€ 10
3Da є 6.360,18 a є 11.764,89€ 25€ 20€ 17,50
4Oltre є 11.764,90€ 37€ 29,50€ 26

Qualora l’utente, avendone diritto, intenda usufruire delle riduzioni tariffarie previste dal Regolamento comunale approvato con deliberazione di G.C. n° 2014-99 del 10/04/2014, dovrà presentare l’attestazione ISEE in corso di validità.

3 – Il pagamento dell’abbonamento deve essere effettuato per l’intero anno o per due quadrimestri anticipati (ottobre-gennaio al momento della sottoscrizione dell’abbonamento e febbraio-maggio entro la fine dell’anno). Le modalità di pagamento sono indicate sul sito Tep, nella sezione Happy Bus.

4 – In caso di rinuncia al servizio, successivamente all’inoltro della rinuncia, verrà restituita con bonifico bancario l’eventuale quota già versata e non utilizzata.   

5 – Non sono previste riduzioni tariffarie per parziale utilizzo dell’abbonamento (solo andata o solo ritorno) oppure per scarso o nullo utilizzo dello stesso senza aver sottoscritto regolare disdetta.

Art. 6 – Sanzioni

Gli alunni a bordo che, a seguito di richiesta da parte del personale Tep, risulteranno privi del tesserino di abbonamento saranno soggetti alle sanzioni previste dai regolamenti Tep e dalla normativa regionale.

Art. 7 – Norme generali

1 – L’accoglimento della richiesta d’iscrizione al servizio di trasporto scolastico prevede l’impegno da parte del genitore dell’utente al pagamento della tariffa fissata ed al rispetto delle presenti norme.

2 – L’utente deve essere presente alla fermata all’orario stabilito.

3 – La responsabilità di Tep e dell’Amministrazione Comunale inizia nel momento in cui l’utente sale sul pullmino.

4 – Un genitore o altra persona maggiorenne deve essere sempre presente alla fermata di discesa. Qualora i genitori ritengano il proprio figlio idoneo a spostarsi autonomamente dall’abitazione alla fermata e viceversa dovranno, al momento della sottoscrizione dell’abbonamento, rilasciare all’ufficio preposto un’apposita dichiarazione in tal senso.

4 – Tale dichiarazione solleverà l’Amministrazione Comunale e Tep da ogni responsabilità per eventuali accadimenti che si dovessero verificare ai danni dell’utente, o che possano essere causati dall’utente stesso, dopo la discesa dall’autobus.

5 – Gli utenti che tengano comportamenti irrispettosi o tali da turbare il buon funzionamento del servizio o da compromettere la sicurezza degli altri trasportati, saranno oggetto di richiamo scritto. In caso di recidiva l’utente sarà definitivamente e tassativamente escluso dalla fruizione del servizio, senza alcun rimborso per quanto eventualmente non usufruito. In caso di danni arrecati al mezzo i/il genitori/e saranno chiamati a risarcire il danno alla ditta proprietaria del veicolo.